Tennistavolo: un gioco a 100 all’ora!

di Chiara Aruffo

La storia

Pittogramma tennistavolo Tokyo 2020
Il pittogramma del tennistavolo creato per Tokyo 2020 (olympics.org)

Il tennistavolo nasce all’inizio del ventesimo secolo nelle famiglie dell’élite inglese come distrazione dopo cena. La leggenda vuole che si usassero i coperchi delle scatole dei sigari come racchette e tappi di champagne arrotondati come palline. Il nome alternativo, ping pong, è in realtà il nome registrato da un fabbricante di giochi. Nel 1901 vengono introdotte le racchette moderne e le palline in celluloide. I primi Mondiali vengono disputati a Londra nel 1926. Negli anni 50, il generale Mao Tse Tung impone il tennistavolo come sport nazionale in Cina. Il debutto olimpico del tennistavolo è avvenuto in occasione dei Giochi di Seoul 1988.

A livello internazionale, il tennistavolo è governato dalla International Table Tennis Federation (ITTF), fondata nel 1926. In Italia, l’attività sportiva è regolata dalla Federazione Italiana Tennistavolo (FITET), istituita nel 1945 a Genova.  

Storia tennistavolo

Velocità e precisione

Le partite di tennistavolo si disputano utilizzando un tavolo lungo 2.74 m e largo 1.525 m, posizionato ad un’altezza di 76 cm e diviso a metà da una rete. Le regole di base sono molto simili a quelle del tennis, ma con un punteggio differente. Inoltre, è un gioco estremamente veloce, con la pallina che raggiunge facilmente i 100 km/h! Le competizioni individuali si svolgono alla meglio di sette set, dove un giocatore vince il set quando raggiunge gli 11 punti. In caso di parità sul 10-10, si aggiudica il set chi per primo riesce conquistare un vantaggio di due punti. Il servizio cambia di mano ogni due punti, e quando il punteggio raggiunge 10-10 si alterna dopo ogni punto messo a segno. Nelle partite di doppio, si alternano al servizio non solo le squadre ma anche i giocatori. Le gare di squadra prevedono quattro incontri singoli e una partita di doppio, dove ogni incontro viene giocato alla meglio di cinque set. Inizialmente si giocano due partite di singolo e quella di doppio: se nessuna squadra ha ottenuto tre vittorie, si continua con le due rimanenti partite di singolo.

debora vivarelli fitet
L’atleta azzurra Debora Vivarelli (Foto FITET).

Giochi Olimpici

Schema riassuntivo tennistavolo Olimpiadi Tokyo 2020

Il debutto olimpico del tennistavolo è avvenuto in occasione dei Giochi di Seoul 1988 con le partite di singolo e di doppio. A partire dalle Olimpiadi di Pechino 2008 le gare di doppio sono state sostituite dalla competizione a squadre. I Giochi di Tokyo vedranno l’esordio del doppio misto. A partire da Londra 2012 è stato deciso di limitare il numero di atleti per nazione per arginare la dominanza della Cina che spesso occupava tutti i posti del podio, come per esempio avvenuto a Pechino 2008 dove gli atleti cinesi hanno vinto tutte e sei le medaglie dei tornei individuali.

Il medagliere olimpico vede al comando la Cina con 53 medaglie (28 d’oro), seguita da Corea del Sud e Svezia.

L’Italia ha partecipato 6 volte ai Giochi Olimpici, non riuscendo a qualificarsi a Sydney 2000 e Rio 2016. La squadra azzurra non ha vinto nessuna medaglia olimpica.

Tokyo 2020

Alle Olimpiadi di Tokyo 2020 sono in programma 5 eventi di tennistavolo: due tornei individuale (maschile e femminile), due a squadre (maschile e femminile) e un torneo di doppio misto. Parteciperà un totale di 172 atleti (86 uomini e 86 donne).

Il sistema di qualificazione predilige la qualificazione a squadre. I pass olimpici a squadre sono stati assegnati tramite una serie di tornei di qualificazione continentale e un torneo di qualificazione mondiale. Per quanto riguarda le competizioni individuali, le nazioni già qualificate nelle gare a squadre hanno ottenuto due pass olimpici per genere. I restanti posti a disposizione sono messi in palio nei tornei di qualificazione continentale, in un torneo di qualificazione mondiale e tramite ranking in data giugno 2021. I pass per l’evento doppio misto sono stati assegnati in parte ai World Tour Grand Finals 2019, con i restanti posti messi in palio tramite tornei di qualificazione continentale e al World Tour Grand FInals 2021. Il Giappone, nazione ospitante, qualifica di diritto una squadra, due atleti per genere nelle gare individuali e una coppia per il doppio misto. La Commissione Tripartita ha a disposizione due pass olimpici (uno per genere per le competizioni individuali). Per l’Italia rientrerà tramite ranking solo Debora Vivarelli, manca solo l’ufficialità.

Eventi maschiliEventi femminiliEventi misti
SingoloSingoloDoppio misto
Competizione a squadreCompetizione a squadre
Statistiche tennistavolo  Tokyo 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *