Chi siamo

foto_nando

Nando

Professionista dal 1984, mi sono sempre occupato di sport, in particolare di ciclismo. D’altronde, non poteva essere altrimenti per chi è nato a Paglieta (Chieti) che ha ospitato dieci arrivi di tappa della Tirreno-Adriatico. Qui hanno vinto tra gli altri Roger De Vlaeminck (1977), Franco Bitossi (1978), Vittorio Algeri (1979), tre volte Moreno Argentin (1983, 1987, 1992), lo svizzero Erich Mächler (1988), due volte Paolo Bettini (1999, 2004), Oscar Freire (2006).
Esordisco al Guerin Sportivo in qualità di segretario di redazione grazie a Serena Zambon e Italo Cucci; tre anni da caposervizio sport a Il Centro prima di passare al Corriere dello Sport alla vigilia del Mondiale di calcio 1990. Qui, ho fatto di tutto: in mezzo a una quindicina d’anni di ciclismo, anche cronista di calcio al seguito del Cagliari e conclusione di carriera seguendo la politica sportiva del CONI. Mi piacciono tutti gli sport, perché grazie allo sport mi sono sempre divertito tanto e per tanto tempo ancora vorrei continuare a divertirmi.

foto_chiara

Chiara

Geologa di professione, sportiva per passione. Cresco in una famiglia dove lo sport si è sempre praticato, visto e letto tanto. Fino ai vent'anni circa seguo con molto interesse il calcio, ho anche l'abbonamento allo stadio. La stagione dei grandi scandali mi fa perdere interesse, ed è allora che inizio a focalizzarmi maggiormente su altri sport. Gli esordi di Federica Pellegrini coincidono con la mia folgorazione per il nuoto e assistere ai Mondiali di Roma 2009 è ancora oggi uno dei miei ricordi sportivi più belli. Ma non c'è solo il nuoto nella mia vita: mi piacciono generalmente tutti gli sport olimpici e seguo anche sport considerati più di nicchia. Negli ultimi due anni ho iniziato a seguire con più costanza il biathlon.

foto_Gigi2

Luigi (Gigi)

Deluso dal calcio, che ho smesso di seguire dopo la morte di Gigi Meroni, mi dedico all’alpinismo e allo sci di fondo, passo lento ma costante, fino a quota 4.000 e oltre. Grafico di mestiere, con lo stesso passo ho affrontato per anni la cronaca sui giornali locali per approdare poi alla stampa internazionale grazie al World Youth Day, che seguo da trent’anni e grazie al quale ho viaggiato in tutto il mondo. Nella vita ho scritto di tutto, dalla storia del museo dell’Opinel al concetto della verità in Guglielmo da Ockham, perché non di sport? 

L'associazione Sportopolis

L’associazione Sportopolis nasce dalla mente di un gruppo di appassionati di sport. Sportopolis ha come obiettivo promuovere la cultura sportiva come strumento privilegiato di sostegno allo sviluppo sociale, allo sviluppo culturale e alla sostenibilità ambientale. 

Per leggere lo Statuto integrale, clicca qui