Giochi OlimpiciParigi 2024

Tiro a segno a Parigi 2024: mirare all’eccellenza

La rubrica “Road to Parigi 2024” di Sportopolis dedicata a Olimpiadi e Paralimpiadi ci porta alla scoperta della storia olimpica del tiro a segno. Statistiche, curiosità e fatti interessanti sulla partecipazione dell’Italia ai Giochi Olimpici in questo emozionante viaggio verso Parigi 2024.

di Chiara Aruffo

La storia del tiro a segno

Pittogramma delle discipline di tiro creato per Parigi 2024 (Copyright Olympics)

L’utilizzo di pistole e fucili è storicamente legato a necessità difensive. I primi club di tiro, inteso in senso ludico, vengono costituiti in Germania tra il 1200 e il 1300, per espandersi nei secoli seguenti soprattutto nei paesi anglosassoni. In Inghilterra lo sport è praticato esclusivamente dall’aristocrazia e nel 1860 viene fondata la National Rifle Association of the United Kingdom (NRA). Negli Stati Uniti, il tiro è uno tra gli sport più in voga nel periodo coloniale, con competizioni organizzate di caccia al tacchino. La National Rifle Association of America (NRA) viene istituita nel 1871, e la crescente popolarità del tiro fa sì che nascano numerosi club all’interno dei college e delle accademie militari. Lo stesso fondatore delle Olimpiadi moderne, Pierre de Coubertin, pare fosse un appassionato tiratore con la pistola, e in effetti cinque eventi di tiro sono presenti nel programma di Atene 1896. Il primo Campionato del Mondo ha luogo l’anno seguente, nel 1897, a Lione (Francia).

Nel 1907, otto federazioni nazionali danno vita a Zurigo (Svizzera) alla Union Internationale des Fédérations et Associations nationals de Tir, che nel 1998 prende il nome di International Shooting Sport Federation (ISSF) e governa anche il tiro a volo. In Italia, tiro a segno e tiro a volo sono invece indipendenti. Nel 1861 viene costituita la Società per il Tiro a Segno Nazionale, che nel 1910 assume la denominazione attuale di Unione Italiana di Tiro a Segno (UITS).

Timeline dell'evoluzione storica del tiro a segno: dalla fondazione delle federazioni internazionali e nazionali alla sua storia olimpica. La rappresentazione visiva include importanti pietre miliari, dalla creazione delle prime federazioni di tiro a segno fino ai momenti significativi nella storia olimpica di questo sport.

Pistola e carabina

Nel corso delle edizioni olimpiche, il programma del tiro a segno si è evoluto e per i Giochi di Tokyo sono previsti dieci eventi: cinque eventi di tiro con la carabina e cinque di tiro con la pistola. Le gare si svolgono all’interno di poligoni o campi di tiro, con la distanza e la grandezza del bersaglio che variano a seconda della specialità. Il tiro con la pistola prevede ai Giochi Olimpici due distanze: 10 m (aria compressa) e 25 m (automatica per gli uomini, sportiva per le donne). Il tiratore è in piedi e deve colpire un bersaglio elettronico con punteggi decrescenti dal centro verso l’esterno. Nel tiro con la pistola ad aria compressa 10 m, i tiratori sparano 60 colpi in 1 h e 15 minuti, dopodiché accedono in finale gli 8 migliori tiratori. Nella gara a 25 m maschile si spara in due riprese di 30 colpi, suddivisi in blocchi di 5 colpi sparati in serie con tempi diversi (8, 6 e 4 secondi per due volte) su 5 bersagli affiancati l’un l’altro. I migliori 6 tiratori accedono alla finale. La gara 25 m femminile si svolge su due serie: la prima serie da 30 colpi è detta di precisione, con 5 colpi sparati in 5 minuti. Nella seconda serie, detta celere, la tiratrice ha 3 secondi per sparare il colpo, partendo con il braccio inclinato a 45 gradi. Le 8 migliori tiratrici avanzano in finale. Il tiro con la carabina può avvenire da una distanza di 10 m (aria compressa e in piedi) o da 50 m in una gara che prevede una serie di tiri in tre posizioni: a terra, in piedi e in ginocchio. Nella carabina 10 m ad aria compressa si sparano 60 colpi in 1 h e 15 minuti, i primi 8 tiratori accedono in finale. Nella carabina a tre posizioni 50 m i colpi sono in totale 120 (40 per posizione) in un tempo totale di 2h e 45 minuti. Ai Giochi di Tokyo verranno introdotte per la prima volta le gare miste da 10 m sia di tiro con la pistola che di tiro con la carabina, con squadre formate da un uomo e una donna.

Sofia Ceccarello (a sinistra) impegnata con la carabina e Riccardo Mazzetti con la pistola (a destra).
Foto UK Rifle e Alex Brandon/AP/Sipa.

Giochi Olimpici

Rappresentazione grafica della performance dell'Italia nel tiro a segno durante le Olimpiadi e i Giochi Olimpici, includendo dati statistici aggiornati.

Il tiro a segno compare nel programma dei primi Giochi Olimpici moderni di Atene 1896 e, tranne che a St Louis 1904, vi rimane per fino al secondo evento parigino del 1924. Infatti, il CIO cancella tutti gli eventi del tiro previsti a Amsterdam 1928 in quanto sostiene che i premi in denaro dei Campionati del Mondo ISSF non rientrino nei parametri di sport amatoriale. Il tiro a segno viene reintrodotto ai Giochi Olimpici di Los Angeles 1932. In occasione di Los Angeles 1984 vengono introdotte tre gare femminili. Ai Giochi di Tokyo 2020, due eventi maschili lasciano il programma per far spazio agli eventi misti per garantire l’uguaglianza di genere. Le due gare miste di tiro a segno sono: Carabina 10 m ad aria compressa e Pistola 10 m ad aria compressa.

Le soddisfazioni azzurre sono state tante, tra le quali ricordiamo: l’oro e il bronzo di Roberto di Donna a Atlanta 1996 nella pistola, i successi di Niccolò Campriani nella carabina che dopo l’oro e l’argento di Londra 2012 arriva a una storia doppietta d’oro a Rio 2016.

Parigi 2024

Alle Olimpiadi di Parigi 2024 sono in programma 10 eventi di tiro a segno a cui parteciperà un totale di 228 atleti (114 uomini e 114 donne).

I posti a disposizione sono assegnati tramite una serie di eventi nel periodo 2022-2024 quali ad esempio Campionati del Mondo e Campionati Continentali. Un torneo finale di qualificazione olimpica è previsto ad Aprile 2024. Ogni nazione potrà qualificare in totale un massimo di due atleti per genere per evento (quindi otto atleti in totale), da sottolineare inoltre come i pass siano assegnati alla nazione e non ai singoli atleti. I 28 posti restanti saranno cosi suddivisi: otto posti (un posto per ciascun evento individuale) alla nazione ospitante (Francia), dodici alla Commissione tripartita per i posti universalità (due per pistola 10 m e carabina 10m sia maschili che femminili, un solo posto per pistola 25 m e carabina a tre posizioni) e infine otto assegnati tramite ranking olimpico.

Per quanto riguarda i Mixed Event, le coppie saranno composte da atleti già qualificati per le prove individuali (con un massimo di due squadre per nazione).

Eventi maschiliEventi femminiliEventi misti
Carabina 10 m (aria compressa)Carabina 10 m (aria compressa)Carabina 10 m (aria compressa) mixed team
Carabina 50 m 3 posizioniCarabina 50 m 3 posizioniPistola 10 m (aria compressa) mixed team
Pistola 10 m (aria compressa)Pistola 10 m (aria compressa)
Pistola automatica 25 mPistola sportiva 25 m
Statistica degli eventi di tiro a segno alle Olimpiadi e Giochi Olimpici di Parigi 2024: illustrazione grafica con dati e cifre aggiornate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *