Cristiano Ronaldo, l’inutile lusso della Juventus

di Gaetano Borrelli

Caro Salvatore,

come dice il poeta cantautore “Un altro giorno è andato la tua musica è finita, quanto tempo ormai è passato e passerà”. Avrai capito a cosa mi riferisco ma nel dubbio te lo dico: alla eliminazione della Juventus dalla Champions League. Sono certa che per i tifosi e per la dirigenza ma anche per alcuni giocatori, sia diventata una vera ossessione. Devo dire che io sono molto dispiaciuta per questa inaspettata eliminazione soprattutto come italiana e soprattutto perché perdiamo punti nel ranking europeo.

Ciò nondimeno la eliminazione pone ala società e anche ai tifosi un problema che in altri casi non sarebbe mai un problema. Mi riferisco alla presenza di Ronaldo in squadra che, secondo molti esperti, aveva un senso solo in virtù del fatto che sarebbe servito finalmente a vincere la Coppa. Così non è stato purtroppo e ora il nostro appare un inutile orpello a una squadra che anche senza di lui aveva dominato il campionato italiano nell’ultimo decennio. E allora viene da dire, a eliminazione acquisita, che Ronaldo alla Juve sia una minusvalenza, ovvero spreco di denaro anche perché, visto come vanno le cose, Ronaldo o no, quest’anno mi sa che non si vince nemmeno in Italia. Ma, come tifosi, dobbiamo chiederci se esiste una maledizione sulla Juve che non le permetta di realizzare il suo pur legittimo desiderio, a questo punto potremmo dire sogno, di vincere la terza Coppa dopo una che non vale e la seconda vinta ai rigori.  La domanda quindi è: chi compreranno ancora alla Juve per arrivare al traguardo che tutti i tifosi di calcio bramano?

Ti abbraccio Salvatore,

Maria

Cara Maria,

ti voglio bene perché so che a te piace scherzare ma io ti conosco bene e quindi non pigliarmi per fesso. A ogni eliminazione della Juve la tua libido ha dei sussulti che neanche George Clooney ti provocherebbe. Non parliamo poi di quando la Juve ha perso le 7 finali, l’ultima con il Real Madrid di Cristiano Ronaldo autore di una doppietta. Ti ho sentito dire in questi casi che si gode di più quando si arriva a Roma e non si vede il Papa, quindi non fare l’ipocrita. A dimostrazione che tu non sei affatto una sportiva vera sono proprio i tuoi ragionamenti che puzzano di falso a 10 km di distanza. Forse la Juve comprò Ronaldo dopo quella finale illusa dalla doppietta credendo che ne avrebbe fatto tante ma la Juve non è il Real Madrid dell’epoca e quindi non è bastato. Ora che ne faranno di questo chiaro esemplare di campione onnivoro e menefreghista che va in vacanza sulla neve con il divieto e che in ogni occasione vanta la sua fama, la sua donna, i suoi gol e i suoi record, oltre che i suoi guadagni. Guarda Ronaldo è uno degli specchi di questo calcio malato che tu ti ostini a seguire, purtroppo uno dei tanti e non sarà l’unico e per questo mi sta cordialmente antipatico. A differenza tua, se dovesse far vincere la Coppa alla Juve non mi fregherebbe molto, ma tu ne moriresti.

Ti saluto, Maria  

Cristiano Ronaldo (foto iodonna.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.