Basket: l’esordio olimpico del 3×3

di Chiara Aruffo

La storia

Pittogramma basket Tokyo 2020
I pittogrammi del basket e del basket 3×3 creati per Tokyo 2020 (olympics.org)

Il basket nasce nel 1891 a Springfield (Massachusetts, USA) quando all’insegnante di educazione fisica James Naismith viene chiesto di inventare un gioco al chiuso per mantenere in forma i giovani studenti nei mesi invernali. Negli anni immediatamente successivi il basket si espande in Europa, in Cina, in India e in Giappone. La prima lega professionale, la National Basketball League, viene istituita nel 1898 ma abbandonata pochi anni dopo. La crescente popolarità in tutto il mondo fa sì che nel 1932 venga fondata la Fédération internationale de basketball amateur (FIBA). Grazie alla spinta della FIBA, il basket entra a far parte del programma olimpico dai Giochi di Berlino 1936, dopo essere stato sport dimostrativo a Saint Louis 1904. Il basket femminile viene incluso nel programma olimpico a partire da Montreal 1976. Il basket 3×3 trae le sue origini dal basket di strada e diventa popolare soprattutto negli Stati Uniti nel corso degli anni ’80. Nel 2007 acquista lo status di sport vero e proprio quando la FIBA ne redige il regolamento. Nel 2010 ha fatto il suo esordio agli Youth Olympic Games (YOG) in Singapore e nel 2020 sarà la prima volta ai Giochi Olimpici.

A livello internazionale, il basket è governato dalla Fédération internationale de basketball amateur (FIBA), fondata nel 1932. In Italia, è sotto l’egida della Federazione Italiana Pallacanestro (FIP), istituita nel 1921 col nome di Federazione Italiana Basketball.

Storia basket

Dal 5×5 al 3×3

Una partita di basket vede affrontarsi due squadre, composte ciascuna da 5 giocatori, su un campo grande 28×15 m. L’obiettivo è centrare il canestro con la palla, e ogni tiro messo a segno può valere 1 punto se segnato come tiro libero (ad esempio in seguito a un fallo), 2 punti se il tiro è partito all’interno dell’area di 6.75 m o 3 punti se il tiro è partito all’esterno di quest’area. Una partita si sviluppa su quattro tempi da 10 minuti effettivi di gioco ciascuno. Inoltre, la squadra che ha il possesso della palla deve concludere l’azione offensiva entro 24 secondi e in ogni caso ha 10 secondi per superare la metà campo. Un’altra limitazione temporale è data dal fatto che un giocatore non può rimanere nell’area sotto il canestro (la cosiddetta campana) per più di 3 secondi.

Il basket 3×3 è considerato lo sport urbano per eccellenza. Si gioca in una metà di un campo da basket regolare e con un solo canestro. Ogni squadra è composta da tre giocatori (più una riserva). A differenza del basket, i tiri effettuati dentro l’area dei 6.75 m valgono 1 punto, mentre quelli da fuori ne valgono 2. Vince la squadra che per prima raggiunge i 21 punti o quella che ha il punteggio più alto al termine della partita (un singolo tempo di 10 minuti). In caso di parità, si continua a giocare e vince la squadra che per prima segna due punti.

basket nazionale italia
Le nazionali italiane di basket maschile (a sinistra) e femminile 3×3 impegnate in una fase di gioco (Foto FIP).

Giochi Olimpici

Schema riassuntivo basket Olimpiadi Tokyo 2020

Ai Giochi di Saint Louis 1904 si svolge il primo torneo dimostrativo di basket. A partire dalle Olimpiadi di Berlino 1936 entra a far parte stabilmente del programma olimpico. Il torneo femminile dovrà invece attendere fino ai Giochi di Montreal 1976. Nel 1989, la FIBA apre il basket olimpico ai professionisti, aprendo così la porta ai campioni dell’NBA che nella memorabile edizione di Barcellona 1992 si presentano come Dream Team per vendicare la sconfitta in semifinale contro i rivali dell’URSS dei precedenti Giochi di Seoul 1988.

Il basket 3×3 farà il suo esordio alle Olimpiadi di Tokyo.

Il medagliere olimpico vede al comando gli Stati Uniti con 28 medaglie (23 d’oro), seguita dalle non più esistenti Unione Sovietica e ex-Yugoslavia.

L’Italia ha partecipato 14 volte ai Giochi Olimpici (a Barcellona 1992 e Atlanta 1996 solo con la squadra femminile che in totale ha partecipato 3 volte). La squadra maschile ha conquistato due medaglie d’argento: a Mosca 1980 e ad Atene 2004.

Tokyo 2020

Alle Olimpiadi di Tokyo 2020 sono in programma 4 eventi di basket: i tornei maschile e femminile di basket e basket 3×3. Parteciperà un totale di 352 atleti (176 uomini e 176 donne).

Il torneo di basket vedrà la partecipazione di 12 squadre sia nel torneo maschile che in quello femminile. Per il torneo maschile, la maggior parte si sono qualificate grazie ai risultati ottenuti alla World Cup 2019. Un torneo di qualificazione finale in programma a giugno 2021 metterà in palio gli ultimi quattro posti a disposizione. Discorso qualificazione chiuso invece per quanto riguarda il torneo femminile che ha assegnato la prima carta olimpica alla squadra vincitrice della World Cup 2018 e ha assegnato i restanti passa tramite una serie di tornei di qualificazione olimpica nel 2020. Il Giappone, nazione ospitante, ha ottenuto la possibilità di qualificare direttamente una squadra nel torneo femminile e una in quello maschile. L’Italia non è riuscita a qualificare la squadra femminile, mentre rimane la possibilità del torneo di qualificazione finale per la squadra maschile. Nel torneo di basket 3×3 si sfideranno 8 squadre per torneo. Tre squadre hanno guadagnato la qualificazione olimpica grazie al ranking 2019 e altrettanti tre pass saranno messi a disposizione in un torneo di qualificazione olimpica in programma a maggio 2021. L’ultimo pass disponibile sarà messo in palio al torneo di qualificazione olimpica universale in programma a giugno 2021. Il Giappone, nazione ospitante, qualifica di diritto una squadra nel torneo femminile e una in quello maschile. Per l’Italia fuori dai giochi la squadra maschile, mentre rimane quella femminile che parteciperà a entrambi i tornei di qualificazione.

Eventi maschiliEventi femminili
Basket - Torneo a 12 squadreBasket - Torneo a 12 squadre
Basket 3x3 - Torneo a 8 squadreBasket 3x3 - Torneo a 8 squadre
Statistiche basket Tokyo 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *